La portabilità di un numero è la facoltà di cambiare operatore senza cambiare numero di telefono. Questa operazione è spesso indicata sui contratti con l’acronimo MNP, ovvero Mobile Number Portability. Puoi richiederla quando decidi di cambiare operatore senza cambiare numero. Si tratta di un’esigenza piuttosto comune, specialmente per chi ha necessità lavorative. Il vecchio operatore non può rifiutarsi di concedere la portabilità e l’operazione è molto semplice.

Come funziona la portabilità di un numero?

Tutto ciò che devi fare è fornire i tuoi dati al nuovo fornitore perché il passaggio avviene sulla nuova carta SIM in maniera “quasi” automatica. Il passaggio avviene dal momento in cui autorizzi il nuovo operatore a procedere, completando le procedure di attivazione del contratto telefonico. L’operatore nuovo avvierà le pratiche di trasferimento e attivazione della nuova offerta e, ad operazione completata, riceverai un SMS o una mail di conferma.

Perché richiedere la portabilità?

A volte il proprio numero di telefono diventa un punto di riferimento fondamentale, specialmente se è utilizzato per necessità lavorative. In altri casi l’idea di dover comunicare a tutti i nostri contatti il nuovo numero non ci solletica molto e, quindi, la facoltà di mantenerlo pur cambiando operatore è una semplice questione di comodità. La portabilità è un diritto di tutti i clienti e non può essere mai negata, anche dopo numerosi cambi di operatore. Dopotutto se sei attento alle tue spese mensili potresti trovare numerose offerte convenienti e risparmiare sui costi telefonici scegliendo le migliori condizioni contrattuali. Non tutti i consumatori prestano attenzione a questo genere di spesa per cui, di tanto in tanto, ti invitiamo a dare un’occhiata sul mercato e a valutare offerte migliori per risparmiare: a fine anno ti accorgerai del guadagno!

Come si richiede?

Per procedere basta recarsi presso il punto vendita, fornire i documenti di identità e di codice fiscale e la vecchia SIM. Una volta scelta l’offerta l’operatore provvederà alla pratica con i tempi stabiliti dall’AGCOM che, teoricamente, non dovrebbero andare oltre due giorni lavorativi. Se ci dovessero essere problemi non esitare a contattare l’operatore per chiedere chiarimenti. Potrai anche richiedere il trasferimento del credito residuo, a prescindere dal suo ammontare.

Cambio SIM?

Non è obbligatorio cambiare scheda SIM però la possibilità dipende dalle condizioni dell’operatore. A volte non è possibile mantenere la stessa SIM e quindi dovrai pagare un costo aggiuntivo per acquisto e attivazione.

Portabilità condizionata ed incondizionata

La portabilità condizionata è prevista quando il numero viene temporaneamente disattivato mentre utilizzerai un numero momentaneo. Questo numero sarà attivo finché la portabilità non avrà avuto luogo. Nel caso di portabilità incondizionata, invece, ti consente di mantenere sempre attivo il numero, anche durante l’operazione di cambio operatore. Ci potrebbero essere mancanze di rete e di linea ma sono piccoli disagi che si risolvono nell’arco di poche ore.