Come fare allacciamento luce e gas

Se non sai come fare per richiedere l’allacciamento di Luce o Gas per la tua abitazione, in questo articolo ti spiegheremo come fare e quali sono gli elementi necessari per poter richiedere questo servizio.

Contatta il tuo fornitore

Per prima cosa bisogna procedere con la sottoscrizione del contratto di fornitura di luce e gas, e sara’ quest ultimo a contattare la società di distribuzione per l’installazione del contatore, e ti verra’ comunicato il giorno e l’ora dell’appuntamento con il tecnico (Confronta le migliori offerte luce e gas attivabili in questo periodo).

In generale i dati necessari per fare domanda di allacciamento sono: chiloWatt (kW) che dovrà avere il tuo contatore (la potenza necessaria in base al tipo di appartamento), indirizzo dove attivare fornitura e numero di pratica della concessione edilizia;

Nota bene: per le case e le aziende di piccole dimensioni, l’allaccio viene effettuato sempre in bassa tensione. Inoltre, almeno che non ci siano state altre richieste particolari, i punti di prelievo fino a 100 kW sono allacciati in bassa tensione.

Vuoi inviare la richiesta di allacciamento di un contatore dell’energia elettrica o ottenere maggiori informazioni puoi contattare lo 02 871 773 88. Un consulente Salvaconto ti spieghera’ nel dettaglio la procedura da seguire.

Tempistiche della richiesta allacciamento luce

Dopo aver consegnato i documenti, la società di distribuzione ti contatterà per fissare se necessario, un sopralluogo ai fini dell’allacciamento dell’energia elettrica.

Preventivo per allaccio della rete elettrica

Una volta presentata la richiesta al fornitore, questa verra’ successivamente trasmessa al distributore di energia entro 2 giorni lavorativi. Sara’ il distributore successivamente, entro 20 giorni lavorativi dalla richiesta a inviare il preventivo. Gli elementi presenti nel preventivo riguardano principalmente i dati della rintracciabilità per identificare la richiesta, i tempi necessari per portare a termine l’operazione, i costi totali, le procedure. Una volta  accettato il preventivo e pagato il contributo previsto, il distributore provvedera’ ad avviare la procedura di allacciamento entro le seguenti tempistiche:

10 giorni lavorativi  per interventi facili (installazione del contatore, prolungamento di un tubo) oppure 50 giorni lavorativi per lavori complessi (interventi di tipo strutturale, passaggio di cavi/tubi sotto terra o dentro i muri). Dati i lunghi tempi necessari per queste operazioni, assicurati di avere il tempo necessario per il trasloco in una nuova abitazione. Il preventivo è valido per almeno 3 mesi.

Costo allaccio rete elettrica

Per calcolare i costi di allaccio della rete elettrica dobbiamo prendere in considerazione tre fattori fondamentali: la “Quota distanza”, “Quota potenza” e la “Quota fissa”. Fanno eccezione gli allacciamenti straordinari (come ad esempio allacciamenti di roulotte, case isolate in territorio extraurbano, fabbricati, ecc.). In generale gli allacciamenti possono essere di due tipi: permanenti o temporanei. Ma andiamoli a vedere nel dettaglio:

Allaccio: i diversi tipi

Per gli allacciamenti (quelli richiesti per una durata inferiore a un anno, eventualmente rinnovabile per un altro anno) il costo dell’allacciamento varia secondo i casi: PERMANENTE: Quando l’allacciamento è quasi permanente e perdura nel tempo. Per le richieste di connessione successive si applica il contributo in quota fissa. TEMPORANEO: Se la distanza non è superiore a 20 metri dall’impianto esistente, si applica un contributo a forfait.

Calcolo quota distanza

La distanza è calcolatain base alla cabina di trasformazione attiva piu’ vicina. Quali sono i costi applicati in base alla distanza?

Quota fissa: fino a 200 metri di distanza, indipendentemente dalla distanza effettiva, costo: 188,95 €;

Quota da 200 a 700 metri: ogni 100 metri o frazione superiore a 50 metri, costo: 94,71 €;

Quota da 700 a 1.200 metri:  ogni 100 metri o frazione superiore a 50 metri, costo: 188,95 €;

Quota oltre 1.200 metri: ogni 100 metri o frazione superiore a 50 metri, costo: 377,89 €;

Cosa e’ una quota potenza

E’ un costo che viene calcolato in base alla potenza disponibile indicata dal cliente. ed e’ indicata all’interno della richiesta d’allacciamento. Per quanto riguarda le forniture fino a 30 kW, la potenza disponibile è il 10% in più di quella indicata nel contratto.

Cosa e’ una quota fissa

Viene versato al cliente a copertura dei costi amministrativi sostenuti dal distributore per la realizzazione del processo dall’allacciamento. Quindi per i clienti che vogliono installare un contatore di 3 kW l’allacciamento costerà circa 430 €, IVA esclusa.

Come inviare richiesta allaccio gas

Per la richiesta di allacciamento è necessario recarsi di persona agli sportelli del fornitore oppure chiamare il servizio clienti, oppure, compilare il modulo via internet ed inviarlo, via posta, fax o e-mail. In generale i dati necessari per fare domanda di allacciamento sono: indirizzo della fornitura, dati identificativi del cliente (nome e cognome, codice fiscale ecc.), motivo d’uso per cui si richiede il gas (es: cottura cibi, produzione acqua calda, soltanto riscaldamento, ecc) e infine i dati catastali dell’immobile.

Tempi allaccio gas

Dopo aver consegnato i documenti, la società di distribuzione ti contatterà per fissare, se necessario, un sopralluogo. Se vuoi ricevere piu’ informazioni chiama il 02 871 773 88, un consulente esperto ti rispondera’ il prima possibile per valutare la tua situazione e darti un quadro completo di cio’ che puoi ottenere.

Preventivo per allaccio gas

Anche per quanto riguarda l’allacciamento della rete gas e’ previsto un preventivo dalla società di distribuzione che deve essere inviato al cliente, entro 15 giorni lavorativi per i lavori semplici, o 30 giorni se complessi. Gli elementi che devono essere presenti nel preventivo sono principalmente i codici di identificazione e rintracciabilità della richiesta, cosi come il tipo di utenza in oggetto, il contatore da installare, tempi e costi dell’operazione di allacciamento ecc.

Una volta che il cliente ha accettato il preventivo o paga il contributo previsto, il distributore deve realizzare l’allacciamento entro 10 giorni lavorativi dalla data di ricevimento dell’accettazione in caso di lavori semplici (e contatore fino alla classe G25) o 60 giorni lavorativi in caso di lavori complessi.

Ricordiamo che i costi indicati nel preventivo non possono essere modificati, e quindi non potrà essere successivamente preteso nessuna aggiunta straordinaria dall’esercente nei confronti del cliente.

Il costo di allacciamento puo’ variare da zona a zona. Questo costo e’ determinato in base alle direttive imposta dal distributore e dall’ente locale.

Fase finale: installazione contatore

La fase finale riguarda l’installazione del contatore (una responsabilità del distributore che deve accertarsi che la messa a terra sia stata eseguita correttamente). Per quanto riguarda invece le opere di ricostruzzione necessarie per l’installazione,i costi sono a carico del cliente. Secondo la normative vigente, il contatore deve essere installato nei pressi dell’utenza e deve essere accessibile anche in assenza del cliente.