scatola nera - cambio manuale auto

Scatola nera, automobili e assicurazioni: tutto quello che c’è da sapere

Il termine scatola nera è spesso associato ai disastri aerei ma in realtà riguarda anche il mondo delle assicurazioni e delle automobili. Storicamente, infatti, la scatola nera è stata inventata per registrare le informazioni sul funzionamento degli aerei e sulle informazioni di viaggio e il termine deriva dal suo involucro, Black Box, che annerisce dopo un incidente o un incendio.

L’uso civile della scatola nera

L’uso della scatola nera è stato esteso a tutti i mezzi di trasporto ma proviene certamente dall’ambito militare a cui si rifà l’uso civile. Si tratta di un uso per lo più diffuso e obbligatorio nei paesi anglofoni mentre in Italia è ancora facoltativo. La legge ha individuato direttive e specifiche normative per inquadrarne l’utilizzo ma con gli adeguamenti del 2018 sono sopraggiunte delle novità. Difatti si prevede l’installazione obbligatoria della scatola nera su tutti i veicoli con priorità speciale per mezzi pubblici, senza considerare gli sconti e gli adeguamenti obbligatori per le polizze RC auto.

Che cos’è la scatola nera per auto?

Si tratta di un dispositivo di sicurezza elettronico. Serve a controllare le funzioni della vettura tramite monitoraggio e registrazione di posizione GPS, parametri tecnici e comportamenti di chi guida. Quindi in caso di incidente rende possibile la ricostruzione del sinistro con accuratezza e può facilitare l’individuazione dei eventuali concorsi di colpa. La struttura di una scatola nera per auto è dotata di un localizzatore GPS sempre attivo ed un chip su cui vengono memorizzate le informazioni.

Registra e archivia ogni movimento

Esso è in grado di registrare e archiviare le accelerazioni, le frenate, gli impatti e tutti i movimenti dell’auto. Con la geo localizzazione, inoltre, è possibile individuare il veicolo in caso di furto. Gli altri dispositivi servono a valutar ei tempi di marcia e sosta, i chilometri percorsi, le accelerazioni rispetto ai giri motore, lo stile di guida ecc… Tutte queste indicazioni vengono poi trasmesse dalla scatola nera ad una centrale remota che conserverà i dati secondo le disposizioni delle compagnie assicurative.

Perché utilizzare la scatola nera?

I vantaggi dell’utilizzo della scatola nera risiedono nel fatto che si tratta di un costo a carico della compagnia assicurativa. Questo comprende anche la manutenzione ordinaria e straordinaria. Ovviamente aderendo hai diritto a sconti e vantaggi sulla tua polizza RC auto fino al 25%. Inoltre il localizzatore GPS ti protegge in caso di furto ma non solo. Nel caso di incidente subito avrai maggiori possibilità di ottenere ciò che ti spetta, soprattutto se con te al momento del sinistro non c’erano testimoni. La scatola nera snellisce le pratiche assicurative e può costituire un grosso vantaggio, soprattutto se sei un automobilista responsabile.

CI sono svantaggi?

Sicuramente molti fanno notare che il chilometraggio annuale registrato dalla scatola nera è spesso superiore rispetto a quello dichiarato alla stipula della polizza. Sforando il chilometraggio a seconda del contratto potresti essere sottoposto alle penali che annullano lo sconto e ai vantaggi economici previsti dall’utilizzo. Ci sono anche alcune penali a cui prestare attenzione nel caso in cui volessi recedere anticipatamente o passare ad altra compagnia assicurativa. Inoltre un semplice urto da parcheggio potrebbe essere contestato come incidente. Per questo ci sono ancora delle piccole migliorie da apportare al sistema per rendere le pratiche più chiare, soprattutto perché i dati sono confutabili solo dagli addetti ai lavori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *